Un tetto verde sulla città futura
Il Verde pensile per la Sostenibilità urbana

 
Lo stand dell'AIVEP



Introduzione ai lavori



La tavola rotonda con le istituzioni



 

Negli ultimi 15 anni la riduzione delle polveri sottili a livello urbano ha segnato
risultati poco significativi. Contestualmente è aumentata l’intensità e gli effetti
negativi dell’isola di calore urbana. L’obiettivo di produrre una riduzione dell’isola di calore estiva (risparmio
energetico) e l’assorbimento stabile delle polveri sottili (salute dei cittadini) può
essere perseguito attraverso un esteso utilizzo delle Coperture a Verde.
L’Associazione Italiana Verde Pensile (AIVEP) sta da tempo promuovendo innovazioni
legislative che favoriscano la crescita in Italia delle Coperture a Verde, sino ad
ottenere, in particolare nelle città del centro-sud, dove gli edifici sono coperti con
lastrici solari,"Un Tetto Verde sulla Città".
Un primo risultato è stato ottenuto nell’ambito del DPR 59/2009, nel quale le
coperture a verde sono state inserite quali parti dell’involucro edilizio, in grado
di produrre risparmio energetico. Quindi le coperture a verde possono accedere
ai contributi statali consistenti nella riduzione IRPEF del 55%.
AIVEP sta lavorando con ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani per
l’estensione a tutti i Comuni della Procedura RIE (Riduzione dell’Impatto Edilizio),
realizzata dal Comune di Bolzano, la cui applicazione obbliga i progettisti
di nuove costruzioni a considerare adeguati spazi verdi (a terra o pensili).
Nella convinzione che il Verde Urbano crescerà primariamente per norme locali
e leggi nazionali si sta lavorando anche alla modifica dell’art. 1127 del c.c.
"Costruzione sopra l’ultimo piano dell’edificio" per consentire la trasformazione
dei lastrici solari in giardini pensili.

Nel contesto del FlorExpo di Roma è stato evidenziato come il Verde Pensile
potrebbe costituire una nuova area di mercato per il florovivaismo italiano.
Una città come Roma si stima abbia 15.000 lastrici solari che potrebbero essere
trasformati in Giardini Pensili, creando così una significativa opportunità di
fornitura e di manutenzione per il Settore Florovivaistico.
Il Convegno è stato articolato in tre sessioni rivolte a raccogliere i pareri ed illustrare
i piani di azione de:

  • gli ORDINI PROFESSIONALI
  • le ISTITUZIONI
  • le ASSOCIAZIONI

scarica qui il programma del convegno